Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui. Se accedi invece a un qualunque elemento sottostante questo banner o premi acconsenti all'uso del cookie.

Foto del giorno

Vividi momenti di festa presso Spazio Polifunzionale Emmaus. Quanta ricchezza, nello stare semplicemente insieme! E quante...

Foto del giorno

Leggi di più →

PAGINA FB

Stereotipi di genere


A caldo di una interessante tavola rotonda sul tema degli
STEREOTIPI DI GENERE
Il termine stereotipo viene dal greco: stereòs=rigido e tòpos=impronta. Per stereotipi di genere si intendono i processi di categorizzazione per interpretare ed elaborare la rappresentazione di ciò che è maschile e ciò che è femminile.
Stereotipi di genere
conio il primo post contenente anche qualche considerazione da opinabile fonte puramente personale.

Dalle neuroscienze à arrivata la definizione di STEREOTIPO come schema adattivo di ottimizzazione delle risorse cognitive. Tramite categorizzazione, generalizzazione, accentuazione di alcune caratteristiche, ricordo selettivo si arriva ad una utile semplificazione della realtà.

Categorie: donne e uomini.
Generalizzazione: Le donne si realizzano solo diventando mamma. Gli uomini sono coraggiosi.

L'efficacia e l'astuzia del processo è evidente: la raggiunta o assunta comprensione di quello che non si ha il tempo, la voglia o le risorse per esplorare ex novo, favorisce una maggiore velocità decisionale.

Ma è veloce e semplice anche passare dalla costruzione dello stereotipo - che potrebbe mantenere forte l'accezione di semplificazione anziché di universalità - al pregiudizio.

Un atteggiamento di chiusura, oltre a impedire di notare quelle che potrebbero essere le vere caratteristiche di chi si ha davanti, può essere potente a tal punto da orientare davvero il suo comportamento nella direzione attesa. Non si tratta di predizione, ma di condizionamento più o meno consapevole.

"Il calcio è uno sport da maschi! Che cosa vorresti fare tu!?"

"Dai che sei forte, rialzati! Bravo!"

"Vedi che sei caduta? Non sei capace."

Mi sono chiesta quanto il monopolio maschile del calcio in Italia sia favorito da questa tendenza culturale e cercando in rete ho scoperto che in Europa la situazione è differente proprio in quei Paesi in cui anche il lavoro femminile ha percentuali più alte. (1)

Viene prima il fatto o l'opinione? I dati o la loro interpretazione? L'esperienza o la mentalità comune?
Ecco un punto di attenzione se si cerca consapevolezza e autonomia nelle proprie azioni.

Anche la potenza predittiva di statistiche più ragionate perde di efficacia, perfino se pesca dai
BIG DATA
Insieme delle tecnologie e delle metodologie volte a estrapolare, analizzare e mettere in relazione enormi volumi di dati eterogenei, strutturati e non strutturati, per scoprire i legami tra fenomeni diversi e prevedere quelli futuri.
Big Data
, quando esce dall'ambito di applicazione per il quale sono nate: i grandi numeri. Possibile ma improbabile smentire che la maggioranza dei ragazzini di una scuola giochi volentieri a calcio, ma di fronte ad un singolo bambino sarebbe riduttivo e oppressivo pretendere che si diverta per forza a tirare con un pallone.

Mi piace pensare che se anche esiste una maggioranza di tendenza, fatto di pe sé assolutamente legittimo, si può allegramente non farne parte. E poi le tendenze cambiano, si sa. Meglio osservare.

 

Notizie

13 novembre 2017: Tra le trentadue squadre nazionali maschili qualificate alla fase finale dei Mondiali di Calcio 2018 gli azzurri sono esclusi. Non succedeva dal 1958. (2)

8 giugno 2018: l'Italia femminile di calcio ha battuto 3-0 il Portogallo (3) e così non solo si è qualificata dopo venti anni al Mondiale che si terrà in Francia l'anno prossimo, ma addirittura con un turno di anticipo.

 

[Segue ...]

 
Parole mosse
Apertura Virgolette per citazioneLa natura non ha fretta, eppure tutto si realizza (Lao Tzu)
Chiusura Virgolette per citazione

Citazioni dagli spettacoli di teatro, movimento e danza messi in scena



SPUNTO MIXTEATRO

Sembra quasi che Doris Humphrey e Charles Weidman, entrambi danzatori, e i fisici Galileo e Newton abbiano avuto appunti in comune: uno dei punti cardine alla base dello stile di danza Humphrey-Weidman è la ricerca condotta sul sistema di reazione alla forza di gravità del corpo umano. In particolare:

  • l'opposizione di forze di caduta e recupero (fall and recovery)
  • l'equilibrio e il disequilibrio (balance and unbalance)
  • l'oscillazione da una parte all'altra (swing and sway)
MIXTEATRO 2.0
Muovendosi tra scienza e arte - mixteatro.it